smile smile smile smile

Codice deontologico dell’Estetica

 

ART. 1 - Finalità Il presente codice deontologico contiene norme comportamentali finalizzate a qualificare l’attività delle imprese di estetica, secondo i principi della correttezza professionale nei confronti dei clienti e delle altre imprese del settore. La realizzazione del presente codice risponde altresì alle esigenze della clientela di avere garanzia della piena trasparenza ed informazione circa le prestazioni di estetica, della loro durata e del loro costo. Finalità del presente codice è altresì quella di stimolare la crescita professionale della categoria degli operatori del settore estetica e la comunicazione tra gli stessi ed i loro referenti. L’adesione alle norme del presente codice è assolutamente libera e non è condizione per l’accesso alla professione, né per il godimento di alcuna agevolazione economica.

 

ART. 2 - Adesione L’adesione alle norme del presente codice è libera e volontaria ed aperta a tutte le imprese operanti nel settore dell’estetica. L’adesione avviene presso Casartigiani Napoli attraverso la sottoscrizione del modulo di adesione; la sottoscrizione permette di partecipare al progetto “lavoro Artigiano di qualità” ed equivale ad un’autocertificazione da parte dell’impresa di possedere e rispettare tutto quanto stabilito dal codice stesso. L’adesione ha come effetto la concessione alle imprese aderenti dell’uso della denominazione di “ARTIGIANO DI QUALITA’”, e l’ottenimento di tutto il materiale predisposto per l’iniziativa di cui sopra. Casartigiani può in qualsiasi momento verificare che quanto dichiarato con la sottoscrizione corrisponda a verità. In caso di riscontro della mancanza di alcuni requisiti, si passa all’esclusione automatica dal progetto e non può essere presentata una nuova richiesta di adesione prima di sei mesi

 

ART. 3 - Richiami Normativi Le norme comportamentali previste dal presente codice hanno lo scopo di integrare su base privatistica quanto previsto dalla legge 4 gennaio 1990, n.1 e successive integrazioni e modificazioni, e le relative norme amministrative statali, regionali o degli enti locali, alla cui applicazione piena ed incondizionata è in ogni caso tenuto ogni estetista. Restano altresì fermi gli obblighi previsti dall’ordinamento giuridico italiano a carico degli operatori economici. Capo I. REQUISITI FORMALI

 

ART. 4 - Obblighi generali Per essere considerato Artigiano di qualità, l’estetista deve rispettare i seguenti requisiti: avere apposita qualifica professionale; essere iscritta/o all’Albo delle Imprese Artigiane; aver assunto eventuali dipendenti in conformità alla normativa vigente in materia; avere una polizza assicurativa verso terzi; avere favorito la crescita professionale dell’impresa mediante la partecipazione a periodici corsi di formazione e/o aggiornamento, la cui idoneità sarà valutata secondo le modalità previste dall’art. 2, comma 4. Capo

 

II. RAPPORTI CON I CLIENTI

 

ART. 5 - Obblighi generali L’estetista deve perseguire gli interessi del cliente con scrupolo, diligenza, riservatezza. L’estetista è tenuta al segreto professionale. L’estetista si impegna a vendere al cliente - o consigliarne al medesimo l’acquisto - solo prodotti validi per i trattamenti in corso o che siano in ogni caso necessari.

 

ART. 6 - Igiene e sicurezza Nei locali in cui si svolge l’attività professionale, nelle sale d’attesa, nei servizi igienici, nelle cabine ed in ogni altro spazio dell’azienda deve essere particolarmente accurata la pulizia e l’igiene. Gli strumenti utilizzati durante l’attività lavorativa devono essere accuratamente puliti prima e dopo ogni trattamento e - se necessario in relazione al trattamento - sterilizzati. Il personale addetto, sia titolare sia dipendente dell’impresa, deve curare particolarmente la propria igiene personale, sia in generale sia in maniera finalizzata ai trattamenti. E’ raccomandato l’uso dei guanti da parte degli operatori, al fine di garantire la propria igiene e sicurezza e quella del cliente, se necessario in relazione al trattamento. Nell’ambito dei trattamenti deve essere utilizzata biancheria mono-uso. È impegno dell’impresa rispettare le prescrizioni del D.Lgs. 81/08 (ex D.Lgs. 626/94)

 

ART. 7 - Accoglienza e cortesia L’estetista deve attuare tutte le forme possibili per rendere il soggiorno del cliente nella propria impresa il più confortevole possibile. Devono essere ridotti al minimo indispensabile, mediante un’attenta programmazione del lavoro, i tempi di attesa per l’esecuzione delle prestazioni. L’estetista deve usare sempre la massima cortesia con i clienti. Nell’ambito dei doveri di cortesia rientra in particolare la tempestiva e completa informazione al cliente su tutti gli aspetti delle prestazioni dei quali lo stesso richieda chiarimenti.

 

ART. 8 - Informazioni al cliente L’estetista è di norma tenuta ad evidenziare al cliente, prima dell’esecuzione della prestazione: il dettaglio delle prestazioni da eseguirsi e la scansione temporale delle stesse; le prestazioni accessorie suscettibili di essere fornite in relazione ad esigenze sopravvenute nel corso dell’attività, in quanto l’estetista sia legittimata e disponibile a fornirle; compensi e corrispettivi previsti; una sommaria descrizione delle modalità di esecuzione della prestazione.

 

ART. 9 - Incarichi non eseguibili L’estetista: dovrà assumere incarichi conformi al suo ambito professionale. non dovrà assumere incarichi sproporzionati o non conformi alle capacità proprie o della propria azienda. non dovrà assumere un incarico qualora sia nell’incapacità di poterlo assolvere tempestivamente o qualora il tempestivo assolvimento si presenti eccessivamente problematico in relazione alle capacità della propria azienda.

 

ART. 10 - Recesso L’estetista è tenuta a recedere dall’esecuzione di un incarico nei casi in cui successivamente all’assunzione del medesimo sia venuto a conoscenza dell’esistenza di patologie, nuove o pregresse, del cliente che ne rendano impossibile il trattamento Capo

 

III. RAPPORTI TRA COLLEGHE E DIVIETO DI CONCORRENZA SLEALE

 

ART. 11 - Imitazione del lavoro altrui Sono vietati l’imitazione, lo sfruttamento sistematico, abusivo o privo di titolo, dei risultati del lavoro altrui raggiunti a seguito di ricerche specifiche o nell’ambito dell’attività professionale.

 

ART. 12 - Correttezza. Divieto di atteggiamenti denigratori. L’estetista deve improntare tutta la sua condotta, anche al di fuori dell’esercizio della propria attività professionale, a lealtà e correttezza nei confronti dei colleghi. L’estetista deve astenersi dall’esprimere apprezzamenti negativi sull’attività professionale di un collega e in particolare su una specifica attività o prestazione altrui, nonché su presunti errori o incapacità. Più in generale, deve astenersi dal denigrare genericamente la professionalità e i risultati dell’attività di un collega. L’estetista è sollevata dall’obbligo sopra configurato qualora sia strettamente necessario evitare obiettivi ed ingiustificati pregiudizi ad un cliente già acquisito.

 

ART. 13 - Divieto di iniziative atte a stornare la clientela Oltre a quanto già previsto dalle norme del presente Capo, l’estetista deve astenersi da qualsiasi iniziativa, attività o atteggiamenti diretti a sottrarre clientela ad un collega, col solo limite della presentazione ed illustrazione dei propri lavori e delle capacità professionali che se ne desumano, senza alcuna valutazione comparativa con l’attività di altri colleghi.

 

ART. 14 - Divieto di concorrenza mediante prezzi artificiosamente ribassati Costituisce forma di concorrenza sleale proporsi sia sistematicamente, sia occasionalmente, con remunerazioni manifestamente sperequate rispetto alle prestazioni, o in ogni caso inferiori ai livelli minimi del mercato.

 

ART. 15 - Comunicazione In qualsiasi manifestazione o forma di comunicazione esterna, come carta intestata, stampa, insegne e così via, l’estetista dovrà astenersi da indicazioni abusive e da espressioni che possano ingenerare equivoco nella clientela, attuale o potenziale.

 

ART. 16 - Sanzioni Le sanzioni per il mancato rispetto delle norme di cui al presente codice deontologico rispondono all’esigenza di garantire l’applicazione del medesimo, al fine di preservare l’immagine della categoria e di tutelare gli utenti. Le sanzioni sono applicate nel rispetto della procedura prevista nel presente codice deontologico. Le sanzioni sono stabilite nella sospensione ed espulsione dal progetto “lavoro Artigiano di qualità”.

 

ART. 17 - Procedura La sospensione è applicata all’estetista da Casartigiani Napoli

concept e design powered by www.wipsrl.it